Il Lombardia sotto inchiesta UCI: Mauro Vegni “faccia quel che vuole”

L’Uci indaghi pure, e poi faccia quello che vuole. Noi contatti non ne abbiamo avuti, abbiamo solo letto il comunicato. Sulla sicurezza noi facciamo la nostra parte al massimo -dice Mauro Vegni, direttore ciclismo di Rcs Sport che organizza il Lombardia -. In un percorso di 230 km ci sono migliaia di accessi, sta anche alla gente rispettare le regole: quando trovo dei nastri io mi fermo. Ma adesso è tutto da verificare, lasciamo agli inquirenti indagare. Sono molto dispiaciuto per quanto successo ma anche cosciente che è complicato: per bloccare ogni singolo accesso ci vorrebbero tremila uomini, mica si può. E che non si sapesse del Lombardia è impossibile, il comune di Como aveva pubblicato il passaggio della gara ovunque, e noi anche di più”.

Pubblicato da Redazione

Giornale regionale amatoriale sullo sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: