Le (non)Olimpiadi 2020:Usa-Urss, la partita infinita

Those last three seconds.
Gli statunitensi, si sa, sono maestri nell’assegnare titoli ad effetto a momenti che hanno fatto la storia dello sport. “The Shot”, il celebre canestro con cui Michael Jordan mandò al tappeto gli Utah Jazz nel 1998 è sicuramente il più noto, quello però che gli americani ricordano con meno piacere è sicuramente “Those last three seconds”, frase con cui oltreoceano si ricorda la prima sconfitta olimpica della storia della nazionale di pallacanestro Usa. I Giochi del 1972 vengono ricordati principalmente per l’attacco terroristico ai danni della nazionale israeliana, perpetrato da miliziani palestinesi, per la prima il movimento olimpico perde il suo candore e si trova a fare i conti con il mondo reale. Alla fine a perdere la vita furono i 9 ostaggi israeliani, 5 degli 8 terroristi, un poliziotto tedesco ed il pilota di uno degli elicotteri.Dal punto di vista sportivo quella manifestazione regalò momenti indimenticabili, su tutti le otto medaglie d’oro conquistate da Mark Spitz o le prime storiche medaglie italiane nel nuoto, grazie alla diciottenne padovana Novella Calligaris.


Il momento SPORTIVO più controverso però appartiene di diritto alla finale maschile di pallacanestro.Quasi un decennio prima dei boicottaggi di Mosca e Los Angeles, si sfidano le nazionali dell’Urss e degli Stati Uniti e basterebbe questo a rendere l’incontro indimenticabile, ad aggiungere interesse alla contesa però è il modo in cui le squadre si presentano alla partita. I sovietici sono gli autentici dominatori della scena europea e sono i favoriti alla vigilia, gli americani devono rinunciare ai loro professionisti e schierano una squadra di universitari, sono però imbattuti nei tornei olimpici e vantano una striscia di 63 vittorie consecutive.Durante i primi 30 minuti di partita tutto gira a favore dei sovietici, due dei giocatori più importanti degli Usa devono lasciare il campo per un’espulsione ed un infortunio ed il punteggio recita un +10 che in pochi ritengono recuperabile. Negli ultimi 10 minuti gli americani però sfoderano la miglior prestazione di quel torneo olimpico e addirittura effettuano il sorpasso a 3 secondi dalla fine grazie alla realizzazione dalla lunetta di Doug Collins, futuro allenatore dei primi Chicago Bulls di Michael Jordan.
Da quel momento in poi, il caos. La rimessa veloce dell’Urss termina in un nulla di fatto e la medaglia sembra andare ancora una volta al collo della nazionale a stelle e strisce, in realtà il coach sovietico ha chiamato un timeout e gli arbitri non si sono accorti di nulla. Dopo varie proteste sarà addirittura il presidente della Federazione Internazionale a scendere in campo ed ordinare che vengano rigiocati i 3 secondi rimasti. Il secondo tentativo viene viziato da un errore dei cronometristi al tavolo, il tempo infatti non venne resettato correttamente l’Urss si trovò con un solo secondo da giocare. I giocatori USA pensando alla fine esultarono per ilo successo ma ancora una volta dovettero ricacciare in gola le urla di gioia perché gli arbitri, accorgendosi del problema, decisero di ripetere l’azione.


Il terzo tentativo è quello buono: la lunga rimessa sovietica termina tra le braccia di Alexandr Belov che, approfittando di uno scontro tra due difensori, segnò il canestro decisivo probabilmente commettendo anche violazione di passi.
Naturalmente gli Stati Uniti fecero ricorso ma tutto finì in un nulla di fatto. Amareggiati dalla situazione gli americani boicottarono la cerimonia di premiazione lasciando spazio ad un podio socialista: oro all’Urss, bronzo a Cuba.
Si dice che ancora oggi in un caveau di Losanna, sede del Cio, vi siano 10 medaglie d’argento in attesa di essere ritirate, probabilmente rimarranno lì ancora per molto

Pubblicato da Redazione

Giornale regionale amatoriale sullo sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: