Domenico Cafolla prova un Duathlon unico in Italia

L’atleta originario di Frosinone, ma palermitano di adozione, tenterà nello stesso giorno l’Everesting, completando i sei versanti del Parco ciclistico dell’Etna, e la Maratona dell’Etna.

C’eravamo cosi abituati ai tanti brevetti di Re dell’etna fino ad ora conquistati, che ormai quasi no ne parlavamo più, come se scalare gli oltre 7000 mt di dislivello, su un percorso di oltre 200 km fosse alla portata di tutti. Ecco allora che ci pensa Domenico Cafolla, atleta tesserato con la Asd Tornado, e con la Extrema Nuoto Triathlon del palermitano Mauro Giaconia, ad accendere nuovamente i riflettori su quel luogo che ha conquistato la ribalta grazie alle imprese individuali dei tanti atleti siciliani e non solo.

Anche per Domenico l’idea nasce a Maggio, subito dopo la riapertura del lockdown, in un periodo caratterizzato dalla totale assenza di manifestazioni agonistiche, in cui i più forti atleti isolani hanno cercato di compensare tale vuoto confrontandosi con se stessi e testando i propri limiti. Il brevetto Re dell’Etna l’ha fatto da padrone, potendo sfruttare la bellezza del circuito realizzato da Paolo Alberati e da Claudio Maria Fusto. Un susseguirsi di primati e prove durissime che ha richiamato uomini e donne da tutta la Sicilia, ma cosa potersi inventare per andare oltre? La risposta sta nell’unire due discipline che proprio sull’Etna trovano il proprio habitat naturale,ciclismo e trail. Ed ecco allora che i chilometri diventano 243 ed il dislivello passa da 7000 a 10.000.” Confrontandomi con Paolo Alberati e con Carmelo Santoro, organizzatore di Etna Trail, mi è venuta voglia di associare le mi due passioni, bici e corsa, quindi ho pensato fosse interessante provare a compiere entrambe le prove. Un evento unico che prende il nome di Duathlon Everesting.

Facile a pronunciarsi e ad immaginarla, ma difficilissima da realizzare, non alla portata di tutti e che prevede un periodo intenso di preparazione. “La mia preparazione è iniziata a Maggio, avvalendomi dell’aiuto di atleti che come me praticano queste discipline estreme,come Mauro Giaconia (già Re dell’Etna qualche mese fa) e Giuseppe Cuttaia, e tanti altri amici che svolgono attività ultra trail, quindi oltre le 20 ore di gara. Per quanto riguarda l’integrazione devo dire grazie a Fabrizio Cavaliere che ormai è diventato un riferimento per noi atleti che ci dedichiamo a queste prove. La prova è stata fissata per il 12 Settembre:”Come tempo penso di impiegare tra le 11/12 ore per quanto riguarda la prova in bici, partendo alla mezzanotte dell11, e altre 6/7 ore per la prova di Trail, che si svilupperà interamente su asfalto per una distanza di 33 km, e sabbia lavica per i restanti 10 km, quindi di puro trail. Gli ultimi 10 km mi porteranno ai 3000 mt del vulcano.”

In generale diventa difficile, a chi non si è mai cimentato con queste discipline, spiegare il perchè di queste sfide,la motivazione di Domenico è quella che un pò unisce chi da sempre pratica sport a certi livelli.”Alla mia età, ne ho 48, dopo essermi cimentato in prove varie di ultra trail, quindi gare oltre i 100 km di percorrenza,ed avendo partecipato anche a tante gare sia di mtb che su bici da strada, ho pensato di associare queste due specialità per realizzare un evento unico nel suo genere. Ed è realmente una prova unica in Italia, poichè non è mai stata provata prima nella specialità Duathlon.” Sono tante le persone che devo ringraziare,per primo sicuramente Carmelo Santoro, che si è prodigato tanto per aiutarmi a livello logistico e per le varie autorizzazioni previste, grazie a lui abbiamo ottenuto il patrocinio del Comune di Linguaglossa e del Parco dell’Etna, grazie naturlamente anche alla mia squadra, la Tornado, che ha sponsorizzato l’evento. Importante il contributo delle aziende del settore come Andrea per corre, che mi supporta nella logistica legata al Trail, Piero Napoli, proprietario del negozio Dream’s Bike, che mi ha fornito la bici e l’azienda Gi-esse che mi ha dato il l’abbigliamento tecnico per affrontare l’evento.

Pubblicato da Redazione

Giornale regionale amatoriale sullo sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: