Tour: A Lopez il Méribel e Roglic resta in giallo

Nella 17ª tappa con arrivo in salita a Méribel il colombiano dell’Astana ha battuto i big e guadagnato secondi preziosi in classifica generale, terzo al traguardo Pogacar che per la prima volta ha mostrato segni di cedimento

Miguel Angel Lopez ha vinto la diciassettesima tappa del Tour de France 2020 sbaragliando gli altri big nell’ascesa finale al Col de la Loze. Primo vero momento di flessione per Pogacar, terzo all’arrivo e ora secondo in classifica generale a 57″ da Roglic. Il capitano della Jumbo-Visma si è dimostrato più in forma del giovanissimo rivale sulle ultime rampe di salita ma si è dovuto arrendere a Lopez. Il colombiano dell’Astana ha recuperato secondi preziosi e ora in classifica generale è terzo a 1’26”.

Quando i corridori affrontano il Col de la Madeleine ci sono cinque corridori in fuga: Carapaz, Kämna, Alaphilippe, Gorka Izagirre e Dan Martin. Sulla prima salita è la Bahrain-McLaren di Landa a fare il ritmo, mentre Quintana va subito in crisi e sprofonda nelle retrovie. Tra i fuggitivi il più brillante è Alaphilippe, mentre Kämna paga gli sforzi della tappa precedente e si sfila dal gruppetto. Nella discesa dalla Madeleine Dan Martin non riesce a tenere il ritmo degli altri tre battistrada e viene ripreso dal gruppo. Nella parte iniziale della terribile ascesa al Col de la Loze tira ancora la squadra di Landa, prima Poels e poi Pello Bilbao, ritmo troppo elevato per Alaphilippe e Gorka Izagirre che vengono ripresi dal gruppo dei big. Caruso tira per Landa ma tra i big non scatta nessuno, Carapaz non si arrende e accelera. Quando Caruso lascia la testa tocca a De la Cruz che fa il ritmo per Pogacar, poi si scatenano gli attacchi. Carapaz viene raggiunto e staccato da cinque corridori: Roglic, Kuus, Porte, Pogacar e Miguel Angel Lopez. Nel finale Lopez scatta e si prende la testa della corsa, Kuus rimane con lui per un tratto, poi si rialza per aiutare il suo capitano Roglic. Pogacar in leggera difficoltà arriva terzo, inutile il tentativo di rimonta della maglia gialla, Lopez si prende la vittoria.

Prima della partenza il vincitore della Grande Boucle 2019, Egan Bernal, ha deciso di alzare bandiera bianca dopo i problemi alla schiena che lo hanno condizionato in un Tour molto deludente. Durante la tappa si è ritirato Mikel Nieve della Mitchelton-Scott, primo ritiro in carriera da un Grande Giro per lo spagnolo.

Nella diciottesima tappa i corridori dovranno percorrere 175 km da Méribel a La Roche sur Foron, con cinque gran premi della montagna. Gli atleti dovranno affrontare, nell’ordine: il Cormet de Roselend (prima categoria, 18,6 km al 6,1%), la Cote de la route des Villes (terza categoria, 3,2 km al 6,6%), il Col de Saisies (seconda categoria, 14,6 km al 6,4%), il Col des Aravis (prima categoria, 6,7 km al 7%), la Montée du plateau des Glieres (Hors catégorie, 6 km all’11,2%) prima della discesa e dell’ultima asperità, poco impegnativa, in vista del traguardo.

La classifica generale:

1. Primoz Roglic (Jumbo-Visma) 74h 56 ’04” 2. Tadej Pogacar (UAE Emirates) +57″ 3. Miguel Angel Lopez (Astana) +1’26” 4. Richie Porte +3’05” 5. Adam Yates +3’14” 6. Rigoberto Uran +3’24” 7. Mikel Landa +3’27” 8. Enric Mas +4’18” 9. Tom Dumoulin +7’23” 10. Alejandro Valverde +9’31”

Fonte la Gazzetta dello sport

Pubblicato da Redazione

Giornale regionale amatoriale sullo sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: