Cecchinato in finale! Il palermitano batte Petrovic e centra la finale dell’Open Sardegna

Due anni dopo la semifinale al Roland Garros, il siciliano batte Petrovic: 6-1 6-0 dopo 58′. In finale dell’Atp 250,a Pula, troverà il serbo Djere. Non l’altro italiano, out per un problema al gomito.

Non ci sarà una finale tutta tricolore, ma l’Italia può comunque ambire a vincere la prima edizione del Forte Village Sardegna Open, il nuovo Atp 250 in corso sulla terra battuta di Pula (Cagliari). Il peso della responsabilità è sulle spalle di Marco Cecchinato, il siciliano che proprio dalla Sardegna potrebbe cercare di riprendere quel cammino interrotto bruscamente dopo la straordinaria semifinale al Roland Garros di due anni fa. Prima di questa settimana, Marco aveva raggiunto la finale a Buenos Aires nel febbraio dello scorso anno, quando riuscì a battere Diego Schwartzman (attuale top 10) nell’ultimo dei suoi acuti prima del lungo periodo nero.

Contro il serbo Danilo Petrovic, in semifinale, non c’è mai stata partita: Cecchinato ha cominciato in maniera attenta mentre il suo avversario sentiva di dover prendere parecchi rischi per cercare di fare il punto. Così l’azzurro ha approfittato delle incertezze altrui, ma in realtà deve prendersi molti meriti per aver condotto una partita senza sbavature, tanto alla risposta quanto al servizio. Petrovic ha pure accusato un fastidio muscolare nella parte finale del confronto, quando però ormai il match era ampiamente compromesso: 6-1 6-0 il risultato in soli 58 minuti. “I lucky loser come lui – ha spiegato Cecchinato dopo l’incontro – sono sempre pericolosi, era importante non sottovalutarlo, io non l’ho fatto ed è stata la cosa più importante. Ho impostato bene il match prima di entrare in campo e ho risposto in maniera efficace, questa è stata la chiave. Avevo voglia di vincere per riprovare le emozioni di una finale dopo tanto tempo. Ero venuto qui con una classifica fuori dai top 100, l’obiettivo era di rientrarci e adesso ci sono. Djere lo conosco, ci siamo allenati spesso insieme, sarà una sfida difficile e come al solito andrò a ‘lezione’ da Sartori per capire come impostare il confronto”.

Pubblicato da Redazione

Giornale regionale amatoriale sullo sport

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: